Verobiologico
Caricamento...
  • Condividi su:

AgriCultura Festival a Desenzano

Biodiversità | Sostenibilità | Fertilità

 

Nell’anno internazionale dei suoli, proclamato dall’assemblea generale delle Nazioni Unite, AgriCultura Festival, manifestazione giunta alla quarta edizione, in collaborazione con il Comune di Desenzano, approfondirà i temi legati all’agricoltura e viticultura biologica e al rispetto della terra.

 

In programma nelle tre giornate del Festival, il 17-18-19 aprile 2015, diversi appuntamenti culturali ed enogastronomici per promuovere il territorio gardesano con i suoi produttori agricoli e consorzi vinicoli e per incentivare le buone pratiche di agricoltura.

 

17 aprile

Il Festival prenderà il via venerdì con lo scambio mercato dei semi e dei germogli che si terrà in piazza Malvezzi a partire dalle 15.

La sera del 17 inoltre ci sarà l’atteso evento della Disfida della bio-polpetta; un aperitivo itinerante che si snoderà in due percorsi per le vie di Desenzano con l’assaggio di polpette di carne, pesce e verdure e l’accostamento di vini locali, come il Lugano e il Chiaretto.

18 aprile

La giornata sarà articolata in due convegni:

la mattina a palazzo Todeschini interventi sul tema “Coltiviamo salute”;

nel pomeriggio in castello testimonianze di viticultori che hanno scelto il biologico, tra cui Arturo Ziliani (Guido Berlucchi & Co.), Fratelli Pasini, Redaelli De Zinis e Sante Bonomo (Civielle).

19 aprile

Dalle 15 all’agriturismo Montecorno Belvedere focus sulle api con la visione del documentario “La zappa sui piedi” e laboratori, degustazioni del miele con l’apicoltore Lodovico Valente.

 

Appuntamento fisso è poi il mercato biologico a cura dell’associazione La buona terra, che si terrà in piazza Malvezzi sabato 18 aprile dalle 15 e domenica 19 aprile dalle 10 alle 19.

 

Tanti anche gli eventi collaterali che animeranno i tre giorni della manifestazione: appuntamenti in libreria con autori, tree climbing sul lungolago, uno spettacolo musicale all’Auditorium, la passeggiata all’Oasi San Francesco e mostre fotografiche e dei lavori delle scuole locali sui temi del Festival.

 

depli-AGRIC-2015-La terra

Ripartire dalla terra e dalla sua cura per ridarle giusta dignità e conservarne la fertilità per l’equilibrio dell’agro-ecosistema.

Conservare, tutelare e auto produrre i semi primo anello della catena che incarnano la diversità biologica e culturale.

 

L’uomo

Riportare l’uomo “sulla terra” per un rapporto etico e sostenibile.

Ripensare a cosa consumiamo, e soprattutto a quanto consumiamo. 

Favorire la dimensione di genere nel settore rurale quale strategia chiave per la crescita economica e lo sviluppo rurale sostenibile.

Promuovere informazione e formazione agronomica, culinaria e nutrizionale.

 

Il prodotto

Incentivare e promuovere le produzioni biologiche, le produzioni locali, i prodotti stagionali, i prodotti raccolti e trasformati con l’equo impiego della forza lavoro.

Accompagnare il prodotto con una etichetta che ne identifichi chiaramente la qualità indicando i passaggi di filiera e l’origine delle materie prime. 

 

Il mercato

Favorire i farmer market (senza demonizzare il mercato mondiale) e i punti vendita rionali.

Sostenere ed incentivare tutte le forme di vendita diretta.

 

vigneti
Per offrirti il miglior servizio possibile in questo sito utilizziamo i cookies, anche di terze parti a solo scopo statistico. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Ulteriori informazioni.