Verobiologico
Caricamento...
12
giu
Comments
0

Polpette Vegetariane di melanzane, timo e basilico

Lavinia - 12 giugno 2015 Comments0
  • Condividi su:

Sono sempre alla ricerca di ricette veloci, che risolvano il problema della cena in pochi minuti, e che allo stesso tempo mi permettano di sfruttare quanto alberga in frigorifero da troppo tempo.

E ieri sera stavo giusto pensando alle due melanzane comprate dal contadino.

Con le melanzane ho un rapporto di amore-odio: mi piacciono, ma se cucinate dagli altri, perché forse non le so prendere o non ho la pazienza di farlo; quando le preparo io spesso mi risultano indigeste, mentre quelle degli altri sono sempre buonissime e saporite.

Ho così cercato in rete qualche idea per una cena veloce e non impegnativa nemmeno per lo stomaco, visto il caldo di questi giorni.

Ho trovato diverse proposte di polpette di melanzane al forno, ma tutte facevano grande ricorso al formaggio: che io adoro, sia chiaro, ma è un elemento scomodo, a mio giudizio, perché rischia di coprire e omologare i sapori.

Ho così deciso di fare di testa mia… Ecco la mia ricetta!

 

INGREDIENTI – per 16 polpettine grandi come noci

  • Una melanzana e mezzo
  • Due fette di pane fatto in casa
  • Pangrattato
  • Due uova
  • Una decina di foglie di basilico
  • Tre bei ramoscelli di timo
  • Sale olio evo q.b.

 

Tempo stimato: un’ora compresa la cottura

 

PREPARAZIONE 
Per estrarre la polpa dalle melanzane ho seguito il metodo suggerito da Lucia Ambrosio: ho preso le mie tre mezze melanzane, le ho incise dalla parte della polpa a reticolato, le ho cotte nel Rusticotto* per una ventina di minuti sul fornello medio a fiamma bassa. Lo stesso si può fare in forno, a 180° per il medesimo tempo.

 

A quel punto con l’attrezzo per svuotare le zucchine ho tolto la polpa (indicativamente 150 grammi). Ho lasciato che raffreddasse.

 

Ho preso le fette di pane (si trattava nella fattispecie di un pane che avevo congelato appena fatto, realizzato con pasta madre, e mescolando farina 0, di farro e semola: profumatissimo. Se usate pane raffermo, ammorbiditelo un poco nel latte o nell’acqua e poi strizzatelo per bene), le ho sbriciolate e le ho unite alla polpa di melanzane; ho aggiunto le foglie di basilico e quelle di timo, poi  un uovo e ho aggiunto un pizzico (ma veramente un pizzico) di sale. Ho amalgamato a mano e poi fatto un rapidissimo giro nel mixer.

 

Ho così ottenuto una crema alle melanzane non troppo densa: ho aggiunto un paio di cucchiai di pangrattato. A quel punto la consistenza, pur restando morbida, mi consentiva di formare le polpette. Io le faccio sempre (a prescindere dagli ingredienti, siano lenticchie o zucchine o che) grandi al massimo come noci: le trovo più sfiziose e meno impegnative. Le ho passate nel secondo uovo sbattuto e poi due giri nel pangrattato. Le ho cotte nel mio Rusticotto* già scaldato sul fornello medio a media fiamma per 20-25 minuti girandole a metà cottura; per chi usa il forno, lo stesso tempo a 180°, anche qui girandole.

 

polpette

Il risultato?

Una cena veloce e leggera, ma soprattutto profumatissima: il timo è davvero prezioso, mi dispiace di sfruttarlo poco e ignorarlo quando faccio un giretto nel mio orticello essenziale. Ho mangiato le polpette assieme a qualche pomodorino condito con olio e origano.

 

*NOTA: Il Rusticotto, o forno di campagna, è una pentola in acciaio e alluminio che si mette sul gas e cuoce come nel forno. E’ cugino dell’Estense e della pentola fornetto o Versilia. Una manna per l’estate, quando non si ha voglia di accendere il forno, quando lo si sta usando per altro o quando si vuole risparmiare un po’ sulla bolletta della luce.

 

TAG :
L' autore : lavinia
Vegetariana che non disdegna piatti vegani, perennemente attorniata da onnivori. Ho poco tempo libero, ma lo passo in cucina. Senza mezze misure: adoro al contempo piatti velocissimi e salvacena, e le lunghe lievitazioni. Toglietemi tutto ma non i carboidrati. Da poco ho intrapreso la strada dell'autoproduzione in casa e in cucina per ecologia e fare economia, con risultati alterni, ma mi impegnerò per migliorare.

Invia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


Per offrirti il miglior servizio possibile in questo sito utilizziamo i cookies, anche di terze parti a solo scopo statistico. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Ulteriori informazioni.