Verobiologico
Caricamento...
  • Condividi su:

CURRY: la spezia della salute che arriva dall’India

Scopriamo il curry e le sue caratteristiche, una miscela di spezie di origine indiana dove viene chiamato correttamente masala

 

curryIndia. La sola pronuncia di questo nome ci illumina la mente non solo di immagini di una nazione misteriosa e affascinante, ma subito ci ricorda anche i tanti profumi speziati e dei sapori intensi che caratterizzano la sua variegata e gustosa cucina. 

 

Tantissime sono le tradizioni gastronomiche di una terra così vasta e variegata, ma tutta la cucina indiana è caratterizzata per antonomasia dal largo utilizzo di spezie.

 

Tra le tante spezie che guarniscono i piatti del subcontinente indiano, una in partitcolare può essere considerata un vero e proprio cibo-medicina. Quello che in occidente è noto come curry, che descrive spesso impropriamente una spezia.

 

In realtà il curry è una miscela di spezie, il cui nome corretto è Masala, traducibile in italiano come miscuglio o miscela di varie polveri. È stata dimostrata infatti la sua azione antinfiammatoria e antiossidante, così come le sue proprietà benefiche su stomaco, intestino e fegato e le sue capacità depurative sull’interno organismo.

 

L’India, patria delle spezie, è fonte di numerosi Masala e la loro composizione deriva dal potere di acquisto, oltre che dal gusto,  della famiglia che lo produce.

Produrre il curry significa quindi produrre un insieme di spezie che vengono macinate nel mortaio e quindi tostate sul fuoco, generando una polvere utilizzata come spezia il cui colore giallo deriva dalla curcuma o anche dallo zafferano usato tra le varie miscele.

Ma la cosa più strabiliante sarebbe la capacità della curcumina, sostanza contenuta nel curry che gli conferisce suo colore giallo intenso, di contrastare malattie neurodegenerative come l’Alzheimer o il Parkinson. Prestigiosi istituti italiani come le Università di Catania e di Pavia, ma anche l’autorevole New York Medical College, confermano attraverso sperimentazioni scientifiche, che un consumo regolare di curry riduce sensibilmente l’incidenza di patologie del sistema nervoso centrale.  Inoltre, secondo uno studio della Chiang Mai University in Thailandia, le persone che assumono costantemente curcumina vedrebbero dimezzate le probabilità di essere colpite da infarto.

Il curry è facilmente reperibile in qualunque supermercato ma anche in erboristerie e nei negozi alimentari in genere.

Tuttavia sono diverse le varietà prodotte e quindi non sempre si potrà acquistare la stessa tipologia di miscela. Se la trovate puntate sulla Garam Masala, la più idonea per le verdure e per le carni oppure per la Tandoori o ancora per quella piccante Madras Curry.

 

Ovvio quindi che le diverse tipologie consentono di soddisfare tutti i palati, da quello più sensibile a quello che desidera un profumo e un sapore decisamente forte.

 

Ma come è arrivato sulle nostre tavole?

I mercanti della Compagnia delle Indie che emigrarono in Inghilterra nel ‘700, portarono con se, oltre che cospicue fortune frutto delle loro attività, anche servitù indigena, della quale facevano parte anche dei cuochi.

I cuochi in particolare vollero proseguire anche in Inghilterra a cucinare come in India, arricchendo quindi le pietanze con le loro spezie ed introducendo alimenti piccanti in genere. La borghesia inglese, incuriosita da questi nuovi sapori, cominciò a richiederle ai nuovi emigranti generando in questo modo un vero e proprio mercato di spezie.

Trascorsero poche decine d’anni e il mercato diventò per alcune aziende un vero e proprio business, cominciando a creare quelle miscele che diedero vita al curry.

 

Il curry è un alimento senza calorie, che stimola la digestione, aiuta a disinfettare l’intestino e stimola l’appetito, oltre che essere un prodotto ricco di sali minerali. Ovviamente parlando di miscele occorrerà valutare l’apporto del singolo prodotto. Si conserva in luogo fresco ed asciutto in vaso di vetro sigillato. Se lo acquistate già pronto consumatelo entro breve in modo da preservarne l’aroma.

 

Il curry si conferma quindi, grazie più autorevoli studi scientifici ed alle sue molteplici caratteristiche benefiche, un vero elisir di lunga vita e salute.

 

 

photo credits

curry
Per offrirti il miglior servizio possibile in questo sito utilizziamo i cookies, anche di terze parti a solo scopo statistico. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Ulteriori informazioni.