Verobiologico
Caricamento...
  • Condividi su:

I prodotti per neonati BPA-Free sono sicuri?

Sono state riscontrate evidenze sulla pericolosità delle alternative al BPA.

bpa-freeIl Bisfenolo A, conosciuto come BPA, è utilizzato in quantità massicce in tutto il mondo per la produzione di utensili tra cui gli oggetti in plastica di uso domestico o accessori per l’infanzia come ad esempio i biberon.

Come ogni mamma anche io mi faccio molte domande ogni volta che acquisto un prodotto destinato a mio figlio.

In risposta alle preoccupazioni dei consumatori (ed anche alle mie preoccupazioni), molti produttori hanno sostituito il BPA etichettando i prodotti come BPA-Free.

Purtroppo però l’alternativa comunemente scelta è il BPS che, a seguito di alcuni studi eseguiti recentemente in Canada, pare alteri la crescita delle cellule cerebrali normali.

 

Gli scienziati dell’Università di Calgary hanno dimostrato che il bisfenolo-S, provoca la crescita anormale dei neuroni negli embrioni degli animali.

Gli stessi picchi sono stati trovati anche con BPA, anche se non agli stessi livelli di BPS, spingendo gli scienziati a suggerire che tutti i composti strutturalmente simili attualmente in uso non sono sicuri.

 

“Molti prodotti chimici alternativi non sono stati adeguatamente testati, perché non è richiesto”, ha detto la ricercatrice Deborah Kurrasch. “Un composto è considerato sicuro (dalla Food and Drug Administration) fino a prova contraria”.

 

In uno studio pubblicato recentemente, i ricercatori del laboratorio di Deborah Kurrasch presso l’Università di Calgary hanno dimostrato che il BPA e BPS causano alterazioni nello sviluppo cerebrale che porta a iperattività nei pesci zebra. Gli zebrafish sono un modello biomedico ampiamente accettato per la comprensione dello sviluppo embrionale del cervello perché hanno processi di sviluppo cerebrali molto simili agli esseri umani.

 

zebrafishIl pesce zebra esposto al BPA o BPS ha generato il doppio dei neuroni prematuri che porteranno a problemi nelle loro connessioni, spiega Kurrasch, membro di Hospital Research Institute dei bambini di Alberta e il dipartimento di genetica medica. 

La conseguenza è stata un cambiamento nel comportamento: i pesci mostrano una maggiore iperattività. 

 

Questi risultati sono importanti perché sostengono che il periodo prenatale è una fase particolarmente delicata e rivela come le sostanze chimiche possono alterare lo sviluppo del cervello.

 

Anche se sono necessarie ulteriori ricerche per esplorare questo legame e il potenziale effetto sui cervelli umani in via di sviluppo nel grembo materno, Kurrasch dice che i risultati aggiungono peso ad altri studi che suggeriscono anche alle donne in gravidanza di limitare la loro esposizione agli elementi contenenti bisfenoli (anche gli scontrini fiscali li contengono).

 

Nel corso degli ultimi anni, decine di studi hanno trovato una relazione tra BPA e lo sviluppo del cancro alla prostata, sterilità, asma, malattie cardiache e un certo numero di disturbi dello sviluppo neurologico, come l’autismo.

 

Alla luce di questi risultati, consiglio di utilizzare, quando possibile, alternative in vetro. In commercio si possono trovare biberon in vetro e contenitori per la conservazione del cibo sia per il frigo che per il freezer. So che non è sempre facile ma forse lo sforzo più grande è cambiare un po’ le nostre abitudini per il benessere dei nostri figli.

 

neonato che dorme
Per offrirti il miglior servizio possibile in questo sito utilizziamo i cookies, anche di terze parti a solo scopo statistico. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Ulteriori informazioni.