Verobiologico
Caricamento...
  • Condividi su:

Il Gelato Biologico

Vediamo come si distingue un gelato artigianale biologico da quello convenzionale

 

Innanzitutto la differenza tra un gelato biologico ed uno convenzionale risiede negli ingradienti: la frutta, il latte, la panna ecc… devono provenire da agricoltura biologica certificata.

Il processo di lavorazione, inteso come metodo, macchinari e attrezzature, è invece il medesimo di quello tradizionale, ad eccezione del fatto che il prodotto finale deve essere certificato da un organismo riconosciuto.

 

La tendenza al biologico ha incontrato una forte predisposizione negli italiani, perciò, per rimanere in linea con il mercato, sempre più aziende produttrici di semilavorati per il gelato artigianale si stanno adeguando a questo andamento, mettendo in commercio prodotti certificati, adatti alle esigenze dei gelatieri che scelgono la strada del bio.

 

La garanzia che ci troviamo di fronte a un prodotto biologico è data dall’etichetta, che lo deve accompagnare nel caso si tratti sia di un prodotto fresco sia trasformato. L’etichetta deve perciò riportare la dicitura ‘prodotto da agricoltura biologica’ e non semplicemente ‘prodotto biologico’. Per quanto concerne il gelato, può definirsi biologico (logo europeo) solo se:

  • Almeno il 95% in peso degli ingredienti è di origine agricola biologica;
  • Riporta “biologico” nella lista degli ingredienti e la relativa percentuale nei prodotti che hanno contenuto bio inferiore al 95%;
  • Indica l’origine (UE o non UE) delle materie prime;
  • Riporta il nome e/o il codice dell’organismo di controllo.

Andando nel dettaglio degli ingredienti, che come si diceva devono essere certificati, tre gli additivi autorizzati dal regolamento sono inclusi anche gli stabilizzanti utilizzati in gelateria:

  • E401 – Alginato di Sodio
  • E407 – Carragenina
  • E410 – Farina di semi di carrube (origine agricola)
  • E412 – Farina di semi di Guar (origine agricola)
  • E415 – Gomma di xantano

Fra gli ingredienti non biologici di origine agricola autorizzati sono inclusi altri ingredienti utilizzati in gelateria, come il fruttosio, il burro di cacao e l’olio di cocco.

 gelato-more

Bio diventa così sinonimo di qualità: la certificazione, nel settore alimentare così come in quello industriale, rappresenta per il cliente la garanzia di un processo produttivo è stato controllato e diventa un eccellente strumento di comunicazione della qualità. Inoltre, ciò che è biologico è anche percepito come più etico. Insomma, ad una maggiore qualità della materia prima si unisce la garanzia del rispetto della natura e della sicurezza del prodotto.

 

gelato bio
Per offrirti il miglior servizio possibile in questo sito utilizziamo i cookies, anche di terze parti a solo scopo statistico. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Ulteriori informazioni.