Verobiologico
Caricamento...
  • Condividi su:

La portulaca e le sue proprietà

Parliamo della portulaca oleracea apprezzata per le sue proprietà fin dagli antichi egizi

 

Nel Sud Italia la portulaca era tra gli ingredienti più usati nella cucina povera nei primi anni del XX secolo, ove era impiegata per preparare gustose insalata, frittate, gnocchi ma già nel Medioevo è stata ampiamente utilizzata sia come rimedio erboristico che in cucina.

 

Originaria probabilmente del continente asiatico, la portulaca oleracea è una pianta erbacea alta al massimo 15 centimetri, appartenente alla famiglia delle portulacaceae, oggi presente praticamente ovunque. Si tratta infatti di un erba considerata infestante presente fino ai 1500 metri di altitudine, da maggio fino alle prime gelate, in quasi tutti i tipi di terreno. Le sue doti di adattabilità sono infatti davvero sorprendenti, la si trova allo stato spontaneo negli orti, nei prati e nei campi, ma anche ai bordi delle strade, fra la ghiaia e tra le crepe di asfalto. Anche se strappata o calpestata è poi sorprendente la sua propensione a rigenerarsi.

 

In Lombardia viene chiamata porcellana o erba grassa, porcacchia in Lazio e Marche, precacchia in Abruzzo e poi ancora in altre regioni erba dei porci.

 

Per quanto riguarda il nome botanico, esso deriva dal latino e significa piccola porta, derivato dal modo in cui si aprono i boccioli, mentre il nome arabo usato nel medioevo baqla hamqa che significa pianta pazza, faceva riferimento al modo in cui i rami si estendono al suolo senza alcun controllo.

 

Purtroppo negli ultimi anni se n’è persa memoria, fino a considerarla comunemente un’erbaccia infestante degna solamente di essere estirpata, finché lentamente si è cominciato a riscoprirla per le sue proprietà, tra cui ad esempio quelle diuretiche,  depurative, dissetanti, anti diabetiche e anti colesterolo. Era anche portata dai marinai sulle navi proprio per contrastare le malattia dello scorbuto.

 

È ricca di fibremucillagine e con pochissime calorie – 16 kcal per 100g. Inoltre possiamo trovare vitamina A, alcune vitamine del gruppo B, vitamina C, sali minerali come magnesio, manganese, fosforo, zinco, selenio, ferro, calcio, potassio, sodio, rame, ed è fonte di omega3, oltre a flavonoidi acido a-linoleico.

 
La portulaca oleacea è una piantina perenne o annuale, molto rigogliosa in tutta Italia, caratterizzata da una crescita incredibilmente veloce, può crescere fino diversi centimetri al giorno, e i semi rimangono vitali nel terreno fino a 40 anni.

 

Oltre che per le sue proprietà, la portulaca è succulento ingrediente in cucina. Ogni parte della portulaca è commestibile: le foglie, i fiori, i semi e i gambi teneri. Data la crescita incredibilmente veloce, si possono cimare i rami nuovi, separare le foglie dalla parte più dura del ramo. 

 

portulacaÈ ottima cruda, semplicemente sciacquata e fatta in insalata, sia sola che accompagnata, ad esempio, a uova sode, pomodori o semi di sesamo come nell’immagine.
Una volta sbollentata e fatta insaporire in padella è ottima come condimento originale per la pasta, per frittate, per ripieni, per fare un pesto originale oltre ad esser ottima aggiunta alle patate per preparare gnocchi gustosi. Tagliata a tocchetti la si può poi conservare sia in salamoia che sott’aceto da utilizzare come surrogato del cappero in inverno.

  

NOTE

Esistono differenti varietà di portulaca, che si differenziano per colore delle foglie e del fusto, oltre che per lo spessore. 

Fatta eccezione per i casi allergici la portulacca non presenta controindicazioni, anche se è opportuno qual ora si intenda utilizzarla a scopo medico consultare prima il medico, specie se si assumono già terapie con le quali potrebbe in taluni casi avere reazione.

Unica raccomandazione in caso di utilizzo in cucina è quella di cogliere la portulaca in luoghi il più possibile incontaminati evitando quella che cresce su marciapiedi, strade ed orti nel caso si utilizzino fitofarmaci, questo anche perché la portulaca tende ad assimilare i metalli pesanti.

 

portulaca
Per offrirti il miglior servizio possibile in questo sito utilizziamo i cookies, anche di terze parti a solo scopo statistico. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Ulteriori informazioni.