Verobiologico
Caricamento...
  • Condividi su:

Mandorle: tra bellezza e salute

fiore mandorloIl mandorlo è un albero appartenente alla famiglia delle Rosacee ed è originario dell’Asia Minore. Il suo nome deriva dal latino “Amygdalus” che si riconduce al nome della dea greca Cibele: la grande madre. Significa anche “laborioso” poiché in Israele all’inizio di febbraio rende onore al Capodanno degli alberi essendo il primo albero a fiorire. Si diffondono ben presto in Grecia e nel nostro paese fino ad arrivare in America grazie alle molteplici proprietà delle mandorle.

 

Le mandorle sono per lo più dolci, ma esistono anche le mandorle amare: questa qualità è considerata tossica perchè i semi contengono amigdalina che può causare avvelenamento. In generale, si può affermare che più una mandorla ha un gusto amaro e tanto maggiore è la sua tossicità.

 

Le mandorle sono ricche di fibre, proteine, sali minerali tra cui ferro, calcio e magnesio, zinco, vitamine del gruppo B ed E l’amigdalina o vitamina B17; tale vitamina, chiamata anche laetrile, è tutt’ora oggetto di studi volti a verificare le sue proprietà anti-tumorali. Questi preziosi semi contengono inoltre gli acidi grassi essenziali Omega 3 e Omega 6 utili per abbassare il colesterolo e protettori del sistema cardiovascolare preservando così la salute del cuore. Nelle mandorle troviamo anche due aminoacidi che influiscono sul buonumore : la tirosina e il triptofano.

 

Grazie all’apporto di vitamine sono ottime antiossidanti utili per contrastare gli effetti dell’invecchiamento e il buon contenuto di ferro e calcio rendono le mandorle utili negli stati di anemia e per mantenere la salute delle ossa.

Le mandorle sono ottime energizzanti e ricostituenti ed hanno un apporto calorico abbastanza elevato: è suggerito consumarne non più di 7/8 al giorno.

 

Le mandorle si possono consumare direttamente sgusciate al naturale, a colazione o per merenda,  aggiunte alle insalate o alla frutta oppure è possibile ricavarne ottimi prodotti derivati: olio, latte e farina.

 

Olio di mandorle

L’olio di mandorle dolci è altamente eudermico, non comedogenico e di facile assorbibilità, ricco in vitamina E, B e minerali. Può essere usato come olio da massaggio, aromatizzato con oli essenziali (in concentrazione tra lo 0,5 e il 3%) per profumare la pelle e usato come base per unguenti e creme da massaggio. Si può preparare in casa con mandorle ed olio di oliva ma vi consigliamo vivamente l’olio di mandorle dolci spremuto a freddo che si acquista comunemente sia in erboristeria che nei negozi che vendono prodotti biologici ed è naturale al 100%.

Lo trovate in contenitori scuri e va conservato lontano da fonti di luce e calore. In estate, va tenuto in frigorifero poiché non ha conservanti. L’olio di mandorle dolci biologico può essere assunto direttamente in caso di stipsi oppure per le affezioni delle vie respiratorie o per problemi digestivi.

Le proprietà delle mandorle, grazie a questo olio, possono essere usate per la cura della nostra pelle: l’olio di mandorle dolci ha proprietà emollienti e nutrienti. Inoltre è un cosmetico naturale per la cura dei nostri capelli: un impacco di 20 minuti di olio di mandorle prima dello shampoo ridona morbidezza e lucentezza ai capelli secchi e deboli.

E’ adatto a tutti i tipi di pelle, ritarda l’invecchiamento, lenisce le dermatosi ed i pruriti, idrata le pelli sensibili dei neonati in modo naturale ed è ottimo per la prevenzione e cura delle smagliature nelle donne. Può essere usato come detergente per il viso e, se massaggiato su tutto il corpo prima della doccia, è un ottimo anticellulite oltre che ottimo idratante.

 

Latte di mandorle

Ottimo latte vegetale, consigliato per una colazione sana e vegana. Può essere preparato in casa: servono 1,5 litri d’acqua e circa 250gr di mandorle. E’ necessario lasciare in ammollo le mandorle in acqua calda per 30 minuti. Passato il tempo indicato scolatele, asciugatele e mettetele in un frullatore versando pian piano tutta l’acqua. Con un colino filtrate il latte e versatelo con un imbuto in una bottiglia di vetro. Si consiglia di conservarlo in frigorifero per massimo 3 giorni.

Se possedete un estrattore potete usare la medesima procedura ma lasciando le mandorle in ammollo per 7/8 ore ed inserendole nell’estrattore con l’acqua. Otterrete subito il latte di mandorla pronto per essere bevuto ricco di tutte le sue proprietà.

 

Farina di mandorle

La farina di mandorle si ottiene tritando finemente le mandorle sia sbucciate che con la pelle scura che le riveste a seconda del vostro gusto. Anche la farina può essere prodotta in casa per ottenere la massima qualità con un semplice frullatore. Si ottiene una farina morbida e oleosa, ottima per la preparazione di dolci, che dura dai 3 ai 6 mesi in frigorifero. Se, invece, preferite acquistare la farina di mandorle vi consigliamo come sempre di scegliere prodotti biologici.

 

olio di mandorle
Per offrirti il miglior servizio possibile in questo sito utilizziamo i cookies, anche di terze parti a solo scopo statistico. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Ulteriori informazioni.