Verobiologico
Caricamento...
7
Nov
Comments
0

MALINCONIA D’AUTUNNO: IL FIORE DI BACH CHE PUO’ AIUTARCI

Linda Beretta - 7 novembre 2017 Comments0
  • Condividi su:

Con l’autunno e i primi periodi freddi non solo la natura sfiorisce, ma anche il nostro umore: un rimedio alla malinconia dolce e naturale è rappresentato dai Fiori di Bach

 

Adoro l’autunno, adoro vedere gli alberi tingersi di colori che riempiono gli occhi e il cuore.

Adoro quei giorni giorni di pioggia quando ancora il freddo non è arrivato e adoro sentire sulla pelle il calore di un sole che scalda l’anima e dona alla natura una luce diversa, quasi magica.

 

Personalmente amo anche la sottile malinconia che fa da colonna sonora a quel tripudio di colore e calore che in fondo non è altro che la preparazione della natura all’inverno, come fosse un ultimo e potente sforzo di vita prima del silenzio invernale.

Ma questa malinconia, questo velo di tristezza, a volte può pesare.

 

Per alcune persone può davvero essere limitante, non si riesce a fare quel che si vorrebbe, la mente si incespica in pensieri cupi.

Si ha la sensazione di galleggiare e farsi passivamente trasportare dalla corrente senza voglia di fare.

 

I Fiori di Bach possono aiutarci?

malinconia fiori di bach

Naturalmente. E il protagonista di oggi è MUSTARD, la senape selvatica, una pianta letteralmente infestante dal fiore giallo che invade i campi di cereali nei mesi estivi, con picco di fioritura nel mese di giugno.

 

È una pianta i cui semi rimangono silenti per molto tempo nelle profondità della terra, e potendo germogliare solo se vengono portati in superficie, capite bene che la pianta crescerà solo se l’aratro arriverà a smuovere la terra in profondità. Oggi l’utilizzo di pesticidi fa si che queste piante infestanti vengano eliminate, ma se ne vedono ancora sui cigli delle strade dove il terreno è stato smosso da cantieri o lavori di riparazione.

 

I semi di Mustard si appropriano della terra ancora incolta e appena arata, cosi come quello stato di malinconia e tristezza si radica nella nostra anima in un momento di debolezza o in un momento particolare dell’anno come l’autunno in cui tutto porta verso la chiusura.

 

Il colore del suo fiore è un giallo intenso e caldo, come il sole che in Autunno fa capolino e fa percepire con intensità il suo tepore donando al mondo un filtro caldo ed intenso.

 

Mustard è il Fiore della Luce, utilissimo per tutti quegli stati di tristezza e malinconia che vanno e vengono senza un preciso motivo.

 

Ed è questo il parametro che ci fa davvero scegliere questo Fiore: la mancanza di una causa nota. Ci sentiamo giù, cupi, introversi, abbattuti, a volte addirittura oppressi, ma senza un motivo. E ci fa paura, perché è una sensazione che non possiamo controllare.

 

Ma ogni Fiore ha un suo stato in disequilibrio ed un suo stato in equilibrio. In questo caso Mustard ci dà la possibilità con la sua malinconia di esplorare emozioni e parti di noi che più o meno inconsciamente tenevamo nascoste, agli altri e a noi stessi.

 

Se quindi questo Autunno si è portato appresso valigie di tristezza e malinconia che ha lasciato nella nostra casa, Mustard potrebbe davvero aiutarci a riprenderci la nostra vitalità ed a goderci la vita nella sua pienezza.

 

I MIEI CONTATTI

figlideifioridibach.it

facebook.com/figlifioribach/

instagram.com/figlideifioridibach.1/

 

BIBLIOGRAFIA

 💡 J. Barnard, Fiori di Bach, forma e funzione, Ed. Tecniche Nuove

 

 

NOTE

Le informazioni proposte in questo articolo non sono consulto medico e non sostituiscono in nessun caso il parere di un medico competente. Servono solo a darvi delle indicazioni, da un punto di vista floriterapico, per mantenere o ritrovare uno stato di benessere psicofisico. In caso di patologie di qualsiasi natura è bene consultare sempre prima il proprio medico.

 

Photo by Alisa Anton

TAG :
Linda Beretta
L' autore : Linda

Invia un commento

Per offrirti il miglior servizio possibile in questo sito utilizziamo i cookies, anche di terze parti a solo scopo statistico. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Ulteriori informazioni.