Verobiologico
Caricamento...
5
Dic
Comments
0

Rimedi e consigli per la stipsi nei bambini

Redazione - 5 Dicembre 2017 Comments0
  • Condividi su:

Esistono molti rimedi naturali contro la stipsi nei bambini, un problema comune che ha molte cause scatenanti

 

Prima di tutto, sarebbe fondamentale capirne la causa e cercare di risolvere il problema ricorrendo, se possibile, a rimedi naturali consultando il vostro pediatra. Spesso è sufficiente selezionare alcuni alimenti in particolare per riuscire ad ottenere dei buoni risultati nell’immediato.

 

Molto dipende anche dall’età del bambino, fino ad un certo periodo infatti è totalmente fisiologico che ci possano essere delle difficoltà. Si parla di stitichezza nei bambini se non avviene un’evacuazione dopo 3 o 4 giorni e se al momento si rivela dolorosa e difficoltosa per il bambino stesso.

 

La stipsi è un disturbo molto frequente nei paesi industrializzati: interessa infatti fino al 10% dei bambini. In età pediatrica ne soffrono prevalentemente i maschi, ma il rapporto si inverte successivamente. 

 

Si tratta di un problema comune in età pediatrica e viene definita tale quando la ridotta frequenza di evacuazione o defecazione dolorosa o ingombro fecale a livello del retto anche in presenza di evacuazione normale, persiste da almeno 2 settimane. 

Nella maggior parte dei bambini sopra l’anno di età la stipsi cronica non ha cause organiche, ma si definisce funzionale, ad indicare che origina da un problema comportamentale del bambino, che rifiuta l’evacuazione, perché la collega al dolore. 

Anche l’inserimento a scuola, il cambiamento delle abitudini ed poca attività motoria, possono portare alla stitichezza. 
Le feci si accumulano nell’ultimo tratto dell’intestino, il retto, e aumentando di volume e di consistenza rendendo l’evacuazione difficile e dolorosa.

 

Non esiste un numero preciso di evacuazioni giornaliere o settimanali che possa indicare con precisione se un bambino è stitico. Però esistono fasi della vita in cui il bambino può essere maggiormente suscettibile alla stipsi, in generale è bene non avere fretta nell’imporre il vasino perchè ogni bambino ha il suo momento giusto, che si colloca in genere fra i 2 e i 4 anni, difficilmente prima.

 

Per chi cerca un riferimento, secondo la Società Nord Americana di Gastroenterologia Epatologia e Nutrizione Pediatrica (NASPGHAN) la frequenza delle evacuazioni settimanali in età pediatrica può essere così riassunta: 

        

Da 0 a 3 mesi con allattamento al seno  da 5 a 40 evacuazioni la settimana 
Da 0 a 3 mesi con allattamento artificiale  da 5 a 28 evacuazioni la settimana 
Da 6 a 12 mesi da 5 a 28 evacuazioni la settimana 
Da 1 a 3 anni  da 4 a 21 evacuazioni la settimana 
Dai 3 anni in poi da 3 a 14 evacuazioni la settimana

 

Il successo dei rimedi naturali dipende dalla stretta collaborazione tra bambino, famiglia e pediatra. 
Una dieta quantitativamente corretta e bilanciata con l’inserimento di alcuni cibi specifici può migliorare la funzionalità intestinale del bambino senza eliminare alcun alimento importante per la crescita.

Molto utile è anche permettere al bambino di mantenere una posizione comoda con i piedi ben appoggiati, in modo da favorire una contrazione efficace dei muscoli addominali.

In generale, è importante abituare il bambino al consumo di frutta e verdura ed esortarlo a bere più acqua.

 

Qui vi lasciamo alcuni consigli generali per una dieta che inibisca la stipsi:

  • Aumentare i liquidi, gli alimenti integrali, i legumi, la frutta e la verdura ad ogni pasto.
  • Ridurre il consumo di zuccheri semplici e cibi raffinati.
  • Ridurre il consumo di grassi, in particolare grassi saturi.
  • Incrementare il consumo di fibre.
  • Idratarsi in modo adeguato.
  • Incentivare il consumo di frutta fresca come spuntini.
  • Abituare il bambino ai sapori di tutte le verdure cotte e crude.

 

Si raccomanda di parlare sempre di questi problemi intestinali con uno specialista e soprattutto col vostro pediatra che saprà consigliare la terapia e la dieta più giusta per il vostro bambino.

 

Ringraziamo #acquauliveto che ci ha permesso di parlare di questo importante argomento per la salute dei bambini.

L' autore : Redazione

Invia un commento

Per offrirti il miglior servizio possibile in questo sito utilizziamo i cookies, anche di terze parti a solo scopo statistico. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Ulteriori informazioni.