Verobiologico
Caricamento...
7
Nov
Comments
0

I mostri nell’armadio e i risvegli nella notte

VeroBio - 7 Novembre 2017 Comments0
  • Condividi su:

Anche se il sonno della notte genera mostri ed i risvegli dei bambini sono molteplici, è bene trovare una soluzione che possa rassicurarli e farli dormire tranquilli

 

Per i nostri bambini è normale immaginare mostri che abitano le loro stanzette ed è altrettanto normale che, nonostante le vostre rassicurazioni, possano essere ancora spaventati ed avere ripetuti risvegli.

 

La richiesta, ad esempio, di restare con i genitori durante la notte, infatti, non è un capriccio, ma solo l’indizio del timore del piccolo a rimanere solo durante la notte, quando le brutte esperienze vissute durante il giorno si materializzano trasformandosi nei mostri nell’armadio.

 

Il problema però è che la mancanza di un adeguato riposo può influenzare il comportamento, la salute ed anche la crescita del bambino. Perciò è importante cercare di capire cosa possiamo fare per garantire al bambino un riposo di qualità.

 

In questi casi, infatti, quando il piccolo manifesta il suo terrore di rimanere da solo durante la notte, la cosa migliore è fargli capire che nulla può capitargli, che anche se lontani mamma e papà vegliano su di lui e lo proteggono e che il buio non nasconde in sé nessuna insidia particolare. La tecnica migliore è la dolcezza

 

Probabilmente, all’inizio, la cosa non sarà semplice: occorrerà armarsi di molta pazienza, trascorrere molte ore nella camera del bambino prima che si addormenti in modo da rassicurarlo con la vostra presenza, tranquillizzarlo leggendogli una fiaba della buonanotte ma alla fine la perseveranza darà i suoi frutti. 

 

Dopo aver superato, infatti, le paure ed essersi reso conto che nulla di male può accedergli durante la notte, il bimbo si sentirà protetto nella sua stanza come in quella di mamma e papà e troverà quasi conforto nel suo lettino e nell’ambiente che, ormai, gli è diventato familiare. Cedere su questo punto, abituandolo a ricorrere al lettone per ogni minimo turbamento, potrebbe causare nel piccolo atteggiamenti sbagliati, impedendogli di acquisire sicurezza e autonomia. Spesso, infatti, il terrore si scatena quando, risvegliandosi da solo e al buio nel cuore della notte mentre tutti dormono e la casa ha un aspetto irreale, si ha la sensazione concreta di essere stati abbandonati.

 

Ci sono molti trucchi per aiutare il nostro bambino a dormire sonni tranquilli, ecco alcuni consigli per cercare di far diminuire le paure ed i risvegli dei bambini:

  • Cercate di insegnare loro la differenza tra realtà e fantasia.

  • Per fargli superare le proprie paure, lasciargli accesa una lucina che renda meno imprevedibili gli oggetti che lo circondano.

  • Rilassatelo prima della nanna con canzoncine della buona notte, musiche rilassanti e un librino adatto alla sua età.

  • Fatelo addormentare col suo giocattolo preferito come una bambola o un pupazzo, spiegandogli che si tratta di un amico che veglierà su di lui. 

  • Potete provare a mettere un piccolo animale domestico, come un pesciolino rosso, a dormire nella stanza del bambino.

  • Cercate di rendere il buio meno spaventoso, osservando insieme le stelle nel cielo scuro.

  • Ripettate un routine e portatelo a letto alla stessa ora.

  • Evitate durante il giorno libri, cartoni animati, film violenti, videogiochi che spaventino il bambino.

  • Preparategli un pasto leggero per cena

  • Preparategli una camomilla dicendogli che si tratta di una bevanda magica in grado di tenere lontano qualunque mostro proteggendo chi la beve per tutta la notte. Se il bimbo è ancora piccolo, questi trucchi funzioneranno.

  • Utilizzate un integratore alimentare come Vagostabil® junior di Cristalfarma a base di estratti di piante officinali quali la passiflora, escolzia con l’aggiunta di miele che può essere utile nei bambini con difficoltà ad addormentarsi e con risvegli frequenti. 

fitoterapia

Con la collaborazione non condizionata di Cristalfarma

L' autore : VeroBio
Sogno che nel futuro si possano diffondere stili di vita sostenibile, ho grande passione per i social media e per la cucina sana. Panifico solo con pasta madre e curo l'orto insieme a mio figlio e mio marito. Mi definisco reducetariana ma adoro sperimentare piatti vegan. Il mio motto è: diffondiamo la cultura del biologico per il nostro benessere e per scegliere consapevolmente cosa acquistare.

Invia un commento

Per offrirti il miglior servizio possibile in questo sito utilizziamo i cookies, anche di terze parti a solo scopo statistico. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Ulteriori informazioni.